Fondazione Federico II - Palermo

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Eventi
Eventi

La Fondazione Federico II adotta le Terme di Cefalà Diana

Stampa PDF

 

Video delle Terme Arabe (fonte Gasman Productions)

I Bagni termali di Cefalà Diana trovano ubicazione su un rilievo che degrada in direzione del fiume Cefalà.
La struttura centrale è costituita da una sala rettangolare divisa in due ambienti tramite una sezione rialzata che ricorda un tribelon composta da tre archi dall’accennata foggia ogivale, di tipica derivazione  slamica, con piccole colonne in marmo, con capitelli caliciformi in terracotta e pulvino; l’ambiente più lungo è adibito ad un complesso di tre vasche decrescenti, l’altro, dietro il tribelon, è costituito da una  ola vasca posizionata nei pressi della sorgente dove venivano convogliate le acque termali naturali.
La facciata esterna è quella tipica di una robusta e compatta costruzione in pietrame, su cui funge da elemento decorativo un registro di conci in calcarenite che ruota intorno a tre lati dell’edificio (nord, est,  vest), dove, sita tra due piccoli fregi, spicca ad ovest un’iscrizione araba che, seppure poco leggibile, dovrebbe contenere una basmala e cioè “Bism Allah al-Rahman al Rahim” (“In nome di Dio Clemente e Misericordioso”).
L’impianto originario potrebbe essere di realizzazione romana e riadattato successivamente in fase islamica, vista l’importanza che i bagni assumono in tale cultura come momento di purificazione, mentre  ltri elementi, tra cui la volta a botte con gli sfiatatoi, condurrebbero al regno di Guglielmo II; ad avvalorare quest’ultima tesi è il geografo al-Idrisi che non fa mai riferimento nella sua opera (Libro di  uggero)
ai Bagni termali di Cefalà Diana, pur menzionando la località e undici edifici destinati a tale funzione in altri luoghi della Sicilia.
In seguito alla realizzazione di un pozzo nella zona di Villafrati, dal 1990 circa, sono venute meno le acque termali, comportando alterazioni alle strutture poi consolidate.

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

I Bagni di Cefalà Diana fanno parte dell’omonima Riserva Naturale Orientata, istituita nel 1997 dall’Assessorato all'Ambiente della Regione Siciliana.
L’area protetta è ampia circa 140 ettari e ha l’obiettivo di tutelare la serie di sorgenti fredde che sgorga nelle immediate vicinanze dell’unica calda, alle falde di Pizzo Chiarastella, e la componente algale termofila dei condotti e dei serbatoi delle acque termali.
La vegetazione è caratterizzata da specie della macchia mediterranea. La fauna di maggior rilievo è rappresentata prevalentemente da rapaci diurni e notturni, frequente la presenza della volpe.

Come raggiungere il sito: sulla Palermo-Agrigento, uscita Bolognetta e procedere sulla SP77.

 


Pagina 4 di 31

Complesso monumentale Ingresso turistico Piazza Indipendenza Palermo

Portale Cronache Parlamentari Siciliane

 

CRONACHE PARLAMENTARI SICILIANE


footer003.jpg

FONDAZIONE FEDERICO II
UFFICI E DIREZIONE VIA NICOLO' GARZILLI, 36 - 90141 Palermo
Tel. +39 (0) 91 6262833 - Fax. +39 (0) 91 6262962

footer003.jpg